La società intorno a noi è mutata rapidamente e i rapporti tra la scuola e i ragazzi, tra la scuola e la famiglia, sono profondamente cambiati nel corso di questi anni. Il ruolo del docente, un tempo indiscusso, di guida all’interno della classe è messo in discussione e sono sempre più diffusi i casi di difficoltà nella gestione della classe e nei rapporti con gli studenti. Spesso queste difficoltà significano problemi psicologici per gli insegnanti: non sono rispettato, il mio lavoro non serve, non so cosa fare. I fatti di Lucca, di cui tanto si è parlato e si parla ancora, hanno portato alla luce, in modo estremo, le difficoltà che chi lavora nel mondo della scuola vive quotidianamente. Quali sono dunque i bisogni dei ragazzi e delle ragazze che abbiamo di fronte ogni giorno in classe? Quali competenze e quali conoscenze il docente deve acquisire per avere una relazione positiva con il mondo degli studenti?

Giovedì 24 maggio, alle ore 17, presso i suoi locali di Via Barbagia 11, l’Associazione Casa del Popolo organizza “Insegnare nel XXI secolo: il docente tra le competenze, i bisogni, le relazioni“, un incontro rivolto a docenti, dirigenti e a tutto il mondo della scuola per provare a discutere assieme di questi temi. All’incontro sarà presente l’Assessore regionale all’Istruzione Giuseppe Dessena, che relazionerà in merito al programma “Iscola” e si confronterà con il mondo della scuola, con le sue esigenze, i suoi bisogni, le sue proposte. Dopo gli interventi qualificati di Barbara Pischedda, psicologa del lavoro, Cristiana Pivetta, docente presso l’Istituto Comprensivo Don Milani di Carbonia, Igor Corrias, educatore, verrà aperto il dibattito con i presenti.

 

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI:

Barbara Pischedda, psicologa del lavoro “Burnout e insegnamento”

Cristiana Pivetta, docente I.C. Don Milani “Venire incontro ai bisogni degli studenti con la strategia della classe capovolta”

Igor Corrias, educatore “Scuola, disabilità, inclusione”

Giuseppe Dessena, Assessore Istruzione Regione Sardegna

Dibattito con i presenti